Cosa faresti se la tua auto diventasse più lenta ogni mese che la guidi? Quello che si tradurrebbe in una folle corsa per ritirare le auto dal mercato, clamore a non finire e potenziali azioni legali, è la norma nel mondo dei computer. Con il passare del tempo infatti i PC diventano più lenti.

Ciò può accadere per svariati motivi, tra cui hardware che si surriscalda, driver disattivati o non aggiornati oppure troppi programmi in esecuzione che intasano il PC. A volte non devi far altro che spegnere e riavviare. In quella che è probabilmente la guida più completa e approfondita mai dedicata a questo argomento ti spiegheremo le cause del problema e come risolverlo. Ma prima di iniziare…

… alcuni avvertimenti e qualche consiglio su come prepararti.

Alcuni delle procedure qui descritte coinvolgono aree del sistema di importanza cruciale. Se seguirai la nostra guida alla lettera non accadrà nulla di grave, in quanto abbiamo testato ogni passaggio su numerosi computer.

Tuttavia, ricorda la Legge di Murphy e prima di cominciare esegui il backup del sistema, o quantomeno crea un punto di ripristino del sistema. Per farlo, apri Esplora file, fai clic con il pulsante destro del mouse su Questo PC e scegli Proprietà. Fai clic su Protezione sistema in alto a sinistra e crea un punto di ripristino. Se qualsiasi cosa dovesse andare storta, potrai sempre ripristinare tutte le impostazioni.

Creazione di un punto di ripristino in Windows

Come velocizzare e pulire il computer

1 – Lavora e naviga più velocemente: aumenta la RAM e acquista un'unità SSD

Qualsiasi laptop o PC da ufficio presenta due principali fattori limitanti, che sono la RAM e il disco rigido.

Aumenta la RAM

La prima limitazione è rappresentata dalla memoria fisica disponibile nel PC, ovvero la RAM (Random Access Memory), in cui vengono conservati i programmi una volta avviati. In altre parole, si tratta della memoria a breve termine del PC.

Oggigiorno, 4 Gigabyte di RAM sono il minimo indispensabile per un PC e di questo sono responsabili sostanzialmente due tipi di applicazioni:

  • Primo tipo: qualsiasi applicazione elaborata, come quelle per l'editing video, PhotoShop o le applicazioni di programmazione.
  • Secondo tipo: i browser. Apri Google Chrome e prova a caricare 10 dei siti Web più popolari e vedrai l'utilizzo della RAM balzare rapidamente sopra i 2-3 Gigabyte. Questo significa che quasi non rimane spazio per Windows, figuriamoci per qualsiasi altro programma.

Il risultato: dovendo spostare continuamente le cose dentro e fuori dalla propria memoria a breve termine, il PC diventa via via più lento. È questa la causa di quei lunghi tempi di caricamento e fastidiosi blocchi. Il nostro consiglio: se hai meno di 4 Gigabyte, aumenta la memoria.

Due banchi di RAM

GTA 5, The Witcher 3 o Ghost Recon non sono veloci o graficamente accattivanti come nei trailer, ma vanno a scatti come nei film degli anni '30, la causa è da ricercare nella scheda grafica.

Sui laptop purtroppo non c'è niente da fare, dato che la GPU (Graphics Processing Unit) è saldata alla scheda madre, per cui non hai alcuna possibilità di cambiarla. Nei PC desktop invece la scheda grafica può essere sostituita facilmente.

Due schede grafiche GeForce GTX nello chassis di un computer

Nei cataloghi dei due produttori leader di GPU, ovvero NVIDIA e AMD, troverai prodotti per qualsiasi esigenza.

  • Per rendering/gaming in Full HD: a partire da 100-150 dollari, le serie GeForce 1050/1060 o le serie Radeon 460/470 offrono straordinarie esperienze di gioco a risoluzione Full HD (1920x1080).
  • Per rendering/gaming di fascia alta a 1440p: se desideri giocare in Full HD con tutte le impostazioni grafiche dei giochi al massimo, oppure se per giocare utilizzi uno schermo con risoluzione WHQD (2560x1440), allora la GPU che fa per te è una Radeon 480 o una GeForce 1070/1080 (fascia di prezzo: 300-500 dollari).
  • Per rendering/gaming senza compromessi in 4K: Oggi la parola d'ordine è 4K. Solo NVIDIA ha qualcosa per i giocatori più accaniti che vogliono giocare a una risoluzione di 4096x2160. Le uniche schede grafiche che consentono di giocare in 4K con una frequenza di fotogrammi accettabile sono le 1080 Ti (prezzo a partire da 700 dollari) o le Titan X(p) se sei disposto a pagare 1.300 dollari per il meglio del meglio in assoluto (anche se le prestazioni miglioreranno solo del 5-10%). Per essere sicuri, i giocatori più appassionati e senza problemi di soldi dovrebbero probabilmente acquistare due schede 1080 Ti o due Titan X per poter utilizzare qualsiasi gioco a una frequenza di fotogrammi di 60 FPS.
Schermata di The Witcher

Suggerimenti extra per i giocatori: se sei un appassionato di giochi, ecco 9 modi per ottimizzare il tuo sistema di gioco. Non perderteli.

3 – Deframmentazione: Che cos'è? E, soprattutto, è ancora utile?

Prima abbiamo spiegato le differenze tra un comune disco rigido e un'unità a stato solido superveloce. Oltre a essere penosamente lenti, i dischi rigidi meccanici sono anche interessati da un fenomeno chiamato "frammentazione". In breve, più programmi e file utilizzi, copi e sposti, più i vari byte vengono sparsi qua e là sul disco e più lavoro deve fare la testina di lettura/scrittura per aprire o salvare i tuoi dati.

La soluzione: deframmentare il disco. Per farlo, apri il menu Start, digita Defrag e fai clic sul tasto Invio. Fai clic su Ottimizza per avviare il processo, che potrà richiedere diverso tempo.

4 - Ottimizza l'avvio disabilitando gli elementi ad avvio automatico in Gestione attività di Windows

Il tuo PC impiega troppo tempo ad avviarsi? Forse perché deve caricare un sacco di cose che in realtà non servono subito una volta avviato il computer. Puoi controllare l'elenco dei servizi eseguiti automaticamente utilizzando un metodo poco noto ma molto efficace: lo strumento Gestione attività di Windows.

Per passare in rassegna l'elenco, fai clic con il pulsante destro del mouse sulla barra delle attività di Windows (la barra che trovi nella parte inferiore dello schermo e dove vengono visualizzate tutte le icone delle applicazioni) e scegli Gestione attività. Vai alla scheda Avvio e osserva le voci elencate:

Scheda Avvio in Gestione attività di Windows

In questo esempio è piuttosto evidente che non è necessario che il programma di installazione del browser Epic e lo strumento per la cattura di schermate Greenshot vengano avviati OGNI SINGOLA VOLTA che accendi il computer. Non trovi? Potrai infatti avviarli manualmente quando ti serviranno. Per disabilitare questi elementi, fai clic con il pulsante destro del mouse su di essi e scegli Disabilita.

Sicuramente questi sono esempi molto semplici, ma ci sono moltissime voci che non sono immediatamente riconoscibili, come NVIDIA Capture Proxy. In questi casi, Google viene in tuo aiuto. Ti basterà cercare queste voci online. Sicuramente le troverai spiegate in qualche forum o su qualche sito Web tecnico. Questo dovrebbe aiutarti a decidere se lasciarle abilitate o meno.

Per aiutarti a ridurre quelle fastidiose attese ogni volta che avvii il computer, ecco alcuni suggerimenti per velocizzare l'avvio del computeroltre a una serie di miti sui tempi di avvio che è bene sfatare.

5 - Utilizza un metodo brevettato per ridurre il rallentamento giornaliero

Molti programmi come iTunes o PhotoShop installano componenti software che vengono eseguiti automaticamente ogni volta che accendiamo il computer e, stranamente, persino quando non li utilizziamo. Si tratta di:

  • Servizi: forniscono funzionalità di base, come mantenere aggiornati i prodotti. Ad esempio, Adobe Reader installa un servizio denominato Adobe Updater, che controlla periodicamente se sono disponibili aggiornamenti per il programma.
  • Attività pianificate: applicazioni eseguite in background che vengono fornite con Windows o con il software che installi. Queste attività sono utilizzate per lo più per svolgere azioni in determinati orari o situazioni specifiche. Ad esempio, Dropbox utilizza un'attività pianificata che ogni giorno alle 17:50 controlla se sono disponibili degli aggiornamenti.
  • Elementi caricati all'avvio: come abbiamo visto in precedenza, questi sono programmi aggiuntivi che vengono avviati automaticamente ogni volta che si accende il PC. Ma a differenza dei servizi e delle attività pianificate, che vengono eseguiti in modalità sostanzialmente invisibile in background, questi elementi tendono a essere "visibili", in quanto molti di loro vengono visualizzati sulla barra delle attività.

Esistono molte ragioni del perché il PC diventa più lento con il passare del tempo, ma possiamo riassumerle dicendo che è a causa delle sollecitazioni provocate dalle applicazioni:

  • Meno memoria disponibile per i processi attivi fa sì che il PC diventi lento.
  • Più sollecitazioni producono maggiore calore e comportano un maggior consumo di energia, di conseguenza il PC funziona più lentamente per evitare di surriscaldarsi e la batteria del laptop dura di meno.
  • Windows dedica più risorse a queste attività in background che al tuo lavoro o ai tuoi giochi.

Una volta analizzate le cause e gli effetti del tipico rallentamento dei PC, domandati che cosa puoi realmente fare per porvi rimedio.

Innanzitutto, potresti disabilitare tutte le applicazioni ad avvio automatico. Ma per individuare tutti i colpevoli e riportare il PC alle prestazioni del primo giorno dovresti disinstallare dei programmi (persino quelli necessari o che più ami). Dovresti scavare a fondo nel sistema e disabilitare manualmente servizi, attività pianificate e altro ancora, per poi abilitarli nuovamente nel caso qualcosa non funzionasse. Il che non è esattamente l'ideale.

Noi di AVG abbiamo risolto questo problema con una tecnologia brevettata, denominata Modalità sospensione, capace di individuare i programmi che rallentano il PC e bloccare tutti i componenti che comportano un utilizzo eccessivo di risorse di cui abbiamo parlato.

Menu Modalità sospensione di PC TuneUp

La Modalità sospensione genera un intuitivo elenco di tutti questi componenti e consente di sospenderli agevolmente.

Questo metodo offre il vantaggio di non dover necessariamente disinstallare o forzare la disattivazione di elementi di cui potresti avere bisogno: tali elementi possono essere semplicemente sospesi, infondendo così nuova energia al sistema. Ma ecco che viene il bello. Quando infatti si avvia un'applicazione (Google Chrome nell'esempio precedente) la Modalità sospensione la riabilita nuovamente, sospendendola di nuovo una volta terminato di utilizzarla. Utilizzando la Modalità sospensione su tutte le applicazioni che usi noterai subito un considerevole miglioramento nella velocità del PC, in particolare se nel computer sono installate molte applicazioni pesanti.

 6 – Overclock della CPU o della GPU? (SOLO PER UTENTI ESPERTI)

Il processore e la scheda grafica lavorano a specifiche frequenze di "clock", ad esempio un Core i7 6700HQ va da 2,6 GHz di base a oltre 3,5 GHz,  mentre una scheda GeForce Titan X(p) opera a oltre 1500 MHz. Questa frequenza di clock determina il numero di operazioni al secondo che l'hardware è in grado di svolgere. Eseguire l'"overclock" è un metodo per aumentare queste frequenze al fine di ottenere un numero di clock superiori.

L'overclock comporta un aumento dello stress e della temperatura a cui è sottoposto l'hardware del PC, quindi va eseguito con cautela.

Oggi eseguire l'overclock non è così pericoloso come in passato, dato che nella maggior parte dei casi la CPU o la GPU si disattiva e Windows si arresta prima che possa verificarsi qualche danno. Tuttavia l'overclock aumenta lo stress e la temperatura dell'hardware e pertanto è un'operazione che va eseguita solo se sai esattamente ciò che stai facendo e comunque sempre a tuo rischio e pericolo.

  • Overclock della CPU: a meno che tu non svolga attività che richiedono un utilizzo intensivo della CPU, come l'editing multimediale o l'esecuzione simultanea di innumerevoli applicazioni, sappi che non noterai alcuna differenza una volta eseguito l'overclock della CPU. Se in fatto di prestazioni vuoi solo il massimo assoluto, puoi utilizzare Intel Extreme Tuning Utility, che consente di modificare agevolmente la velocità di clock della CPU. Il nostro consiglio tuttavia è quello di aumentare tale velocità in maniera graduale di 50 MHz alla volta, verificando sempre la stabilità del sistema negli scenari più impegnativi, come editing e gaming, prima di procedere oltre.

  • Overclock della GPU (solo per gli appassionati di videogiochi): le prestazioni di gioco dipendono principalmente dalla potenza del chip grafico, più che dalla quantità di memoria o dalla velocità del processore. Quasi sempre infatti è il chip grafico il collo di bottiglia che causa i problemi di stuttering durante il gioco. Per migliorare le prestazioni, potresti provare a eseguire la scheda grafica a una velocità superiore rispetto all'impostazione di fabbrica o, per dirla in gergo, a overcloccare la scheda grafica. Con le GPU è possibile eseguire l'overclock sia del chip di elaborazione che della velocità di memoria utilizzando vari strumenti come MSI Afterburner. Sul nostro PC di gioco (dotato di due schede grafiche Titan Xp) siamo riusciti ad aumentare la velocità di clock della GPU di 200 MHz e della memoria di 500 MHz prima che il sistema cominciasse a diventare instabile.  I vantaggi sono stati subito evidenti. Le prestazioni di gioco sono aumentate di un altro 15% riuscendo comunque a garantire la miglior frequenza dei fotogrammi e la più alta qualità delle immagini persino nei giochi più impegnativi.

Ma anche in questo caso, si tratta di un'impostazione che richiede un'attenta messa a punto persino da parte degli utenti più esperti. Non tutti i chip infatti sono uguali e pertanto reagiscono in maniera diversa all'overclock. Inoltre, la soluzione di raffreddamento rappresenta un altro fattore limitante. Noi siamo riusciti a raggiungere questi clock utilizzando una soluzione di raffreddamento ad acqua. Quando si lavora con una ventola tradizionale, i problemi termici possono presentarsi molto prima di raggiungere queste velocità. 

Misurazione dell'overclock

Nota per gli utenti di laptop: puoi eseguire l'overclock anche se disponi di un chip grafico dedicato, come GeForce GTX 965M (vedi sopra) o Radeon Pro 460. In questo caso, tuttavia, i problemi di temperatura saranno molto più importanti, in quanto la dispersione del calore risulta più difficoltosa a causa delle dimensioni contenute del case. Per questa ragione in molti casi non riuscirai a spingere il clock oltre i 100 o 150 Mhz. Inoltre, a seguito dell'aumento dei consumi, la durata della batteria ne risentirà in maniera evidente. 

7 – Aggiorna i driver

Il PC contiene oltre 100 componenti integrati, tra cui chip Wi-Fi, processore, scheda grafica, pulsante di accensione e moltissimi altre parti e ingranaggi che fanno funzionare un sistema affascinante e complesso che ha del miracoloso.

Tutti questi componenti sono controllati da driver di dispositivi, piccoli e complessi software che controllano il modo in cui funzionano i vari componenti. E come ogni software, anche i driver possono rivelarsi difettosi (specialmente le prime versioni) o non riuscire a sfruttare al meglio tutto il potenziale del tuo hardware.  

Ecco allora una serie di consigli pratici per aggiornare i driver e garantire prestazioni sempre ottimali al tuo PC. Puoi anche utilizzare un software per l'aggiornamento dei driver per esaminare e aggiornare automaticamente i driver.

Provare AVG Driver Updater gratuitamente

 

8 – Dovresti utilizzare uno strumento per la pulizia del Registro di sistema?

Sul Web è disponibile un'infinità di strumenti per la pulizia del Registro di sistema e di suggerimenti su come pulire il Registro al fine di velocizzare il PC. Di sicuro, il Registro di sistema è una parte fondamentale del sistema operativo Windows e in molti casi contiene centinaia di migliaia di voci, migliaia delle quali probabilmente non sono valide o sono vuote. Gli strumenti per la pulizia del Registro di sistema rilevano ed eliminano queste voci o in alcuni casi le correggono.

Registro di sistema di Windows

In tutta onestà, tuttavia, va detto che il 99,999% delle volte utilizzare uno di questi strumenti per pulire il Registro di sistema non produce alcun impatto sulle prestazioni del PC.  È vero, il Registro di sistema viene caricato ogni volta che accendi il PC e il sistema vi accede continuamente, ma parliamo di un database di 100-200 MB, che persino un PC di dieci anni è in grado di elaborare in una frazione di secondo. Eliminare alcune voci non influisce minimamente sulla velocità. È più una questione di igiene, come anche alcuni dipendenti Microsoft hanno fatto notare in passato. In rari casi, alcune chiavi mancanti possono causare messaggi di errore all'avvio, ma a meno che non vengano visualizzati tali messaggi, non è necessario eseguire uno strumento per la pulizia del Registro.

Il nostro consiglio: lascia stare il database. Windows se ne occupa già molto bene. E in caso di errori, utilizza uno strumento professionale per la pulizia del Registro di sistema.

9 – Impatto di virus, Trojan, adware e altre forme di malware sulle prestazioni

Virus, adware, malware, spyware e trojan non sono solo un grosso rischio per la sicurezza: alcuni di loro uccidono letteralmente le prestazioni del PC. Se il tuo PC è lento, nonostante tutti i tuoi sforzi, prova a eseguire un antivirus sul sistema. È possibile infatti che qualche virus stia utilizzando tutta la capacità di elaborazione del tuo PC. Scopri di più su come i virus influiscono sulle prestazioni oppure scarica la nostra pluripremiata protezione antivirus .

Se il tuo PC continua a essere lento malgrado tutti i tuoi sforzi, verifica la presenza di malware.

10 – Esegui una pulizia fisica del computer

Con le ventole del PC o del laptop che soffiano aria fuori e dentro il sistema giorno dopo giorno per anni interi, all'interno del tuo dispositivo si sarà accumulata una quantità incredibile di polvere. La polvere può rallentare e addirittura bloccare le ventole, impedendo una corretta dispersione del calore e quindi causando un degrado delle prestazioni o frequenti arresti anomali.

Per questa ragione apro spesso il case del mio PC e del mio laptop e utilizzo una bomboletta ad aria compressa per soffiare via la polvere dal sistema (ti consiglio di tenere a portata di mano l'aspirapolvere).

E visto che sei all'opera, potresti dare anche una bella lucidata allo schermo e alla tastiera per tornare a farli brillare. Sappi che esistono detergenti specifici a tale scopo.

Come pulire il PC e il disco rigido

1 – Come eseguire la pulizia del disco

Ogni volta che utilizzi il PC, i programmi, il browser o i tuoi giochi preferiti, produci parecchia spazzatura digitale. Questo perché tutti i programmi presenti sul PC creano qualche tipo di file temporanei, necessari per il loro funzionamento, ma in genere dopo l'utilizzo non li elimina. Può ad esempio trattarsi di:

  • File Chkdsk obsoleti
  • Registri di configurazione
  • File residui lasciati dai vari aggiornamenti e upgrade di Windows
  • File residui di Windows Defender
  • File temporanei Internet e pagine Web offline
  • File di dump della memoria degli errori di sistema
  • File di segnalazione errori di Windows
  • File di anteprima e cronologia file utente

Fortunatamente, esistono varie possibilità per liberarti di tutto questo.

Innanzitutto, puoi utilizzare lo strumento di pulizia del disco integrato di Windows per dare una prima ripulita superficiale eliminando alcuni elementi inutili presenti nel PC. Per avviare questo strumento in qualsiasi versione di Windows (compresi Windows XP, Vista, 7, 8 e 10), fai clic con il pulsante destro del mouse sul desktop e scegli Nuovo collegamento. Digita il testo riportato di seguito:

%SystemRoot%\System32\Cmd.exe /c Cleanmgr /sageset:65535 &Cleanmgr /sagerun:6553

Creazione di un collegamento per la pulizia

Assegna un nome al collegamento, ad esempio Nuova pulizia PC. Una volta creato il collegamento fai clic con il pulsante destro del mouse su di esso e scegli Esegui come amministratore. Spunta tutti i file visualizzati oppure controlla le descrizioni in modo da sapere che cosa stai eliminando, sebbene nella maggior parte dei casi nessuno di questi file sia necessario ai fini del normale utilizzo del computer.

In pochi istanti questa spazzatura digitale superficiale verrà eliminata dal computer e potrai passare a qualche altra opzione di pulizia più approfondita:

  1. Windows 10 offre un altro strumento per eliminare i file di aggiornamenti ormai obsoleti, che possono occupare anche molto spazio se ad esempio è stato eseguito l'aggiornamento da Windows 7/8 a Windows 10 oppure da una versione di Windows 10 a una successiva. Per accedervi, apri il menu Start, fai clic sull'icona Impostazioni e vai a Sistema. In Archiviazione fai clic sul disco rigido e seleziona File temporanei. Qui troverai altri elementi inutili, tra cui i file di backup menzionati in precedenza.
    Menu Archiviazione di WindowsMenu File temporanei di Windows
  2. Software di ottimizzazione professionale: AVG ha osservato che i metodi integrati riescono a malapena a scalfire la parte superficiale di tutta la spazzatura digitale nascosta presente sul disco rigido e nelle cartelle di sistema. Ciò avviene perché la maggior parte dei programmi, come iTunes, Office o Chrome, crea dei propri file spazzatura che Windows non sa come eliminare.  Noi di AVG invece sappiamo come farlo. I nostri tecnici hanno messo a punto dei metodi specifici per ripulire oltre 220 programmi e li hanno integrati in AVG PC TuneUp.  Affidati a noi per ottimizzare il tuo PC.

    Vai nella sezione Libera spazio e passa in rassegna tutte le funzionalità, in modo da eliminare tutti i file temporanei inutili che il nostro strumento è in grado di individuare. Riuscirai così a liberare svariati GB occupati da dati inutili che potrai utilizzare per nuovi programmi, musica, foto o qualunque altra cosa desideri.

Menu Libera spazio di PC TuneUp

Il nostro strumento per la pulizia del disco rimuove anche i seguenti tipi di file residui:

  • Report di arresti anomali: quando si verifica un arresto anomalo del PC, Windows genera una serie di informazioni che, tuttavia, risultano utili solo per i progettisti di software e possono quindi essere tranquillamente eliminate.
  • File della cache: file temporanei lasciati sul disco dai programmi e da Windows.
  • Anteprime: file di anteprima temporanei creati e visualizzati da Esplora risorse.
  • Elenchi dei file utilizzati di recente: molti programmi, incluso Windows, creano elenchi dei file aperti di recente. Per quanto utili, questi elenchi rappresentano anche un rischio per la privacy. AVG Disk Cleaner fa un ottimo lavoro nell'eliminarli tutti definitivamente.
  • File di giochi: file residui lasciati dalla piattaforma di gioco Steam, come programmi di installazione di DirectX o file redistribuibili di Visual C++, che non sono più necessari una volta installato e avviato il gioco che hai scaricato.
  • … e molto altro.


2 – Libera spazio sul disco rigido eliminando i file di grandi dimensioni

Lo sappiamo, succede tutte le volte: scarichi un grosso file oppure un video enorme dal telefono e nel giro di un giorno te ne dimentichi completamente. Un buon modo per trovare i file più grossi su tutti i dischi rigidi è integrato proprio in Esplora risorse di Windows. Per farlo, apri Esplora risorse e fai clic nel campo Cerca. Da qui fai clic su Dimensione e scegli Enorme. Verranno elencati tutti i file più grandi di 100 MB. Come trovare i file grandi con Esplora risorse di Windows

3 – Rimuovi le applicazioni che non ti occorrono

Nel computer possono essere presenti applicazioni ormai inutili o che utilizzi raramente, che tuttavia occupano spazio sul disco e rallentano il PC. Per sbarazzarti di loro apri il Pannello di controllo di Windows e fai clic su Programmi e quindi su Programmi e funzionalità.  Scorri l'elenco e disinstalla tutto ciò che non ti serve:

Rimozione dei programmi inutilizzati in Windows

Questo metodo non è praticissimo, in quanto in molti casi potresti non sapere se un programma è necessario o meno o quando è stato utilizzato l'ultima volta. Il nostro AVG PC TuneUp può semplificarti la vita.

Provare AVG TuneUp gratuitamente

 

Duplicate Finder di PC TuneUp

La funzionalità Uninstall Manager consente di ricercare in modo molto semplice le seguenti categorie di elementi:

  • Programmi utilizzati raramente
  • Programmi installati di recente
  • Programmi di grandi dimensioni
  • ... e molto altro.

È sufficiente aprire PC TuneUp, fare clic su Disinstallazione dei programmi inutilizzati e quindi su Filtra elenco.

Menu Programmi inutilizzati

In questo esempio è presente un gioco, Dying Light, che ho portato a termine tempo fa e che ora se ne sta lì inutilizzato a occupare oltre 20 GB di spazio. Un ottimo candidato per la rimozione.

4 – Verifica l'integrità del disco rigido

Qualsiasi file presente sul disco rigido o sull'unità SSD del tuo computer potrebbe venire danneggiato in caso di arresto anomalo del PC o calo di tensione improvviso. Per questa ragione, è buona norma eseguire periodicamente un controllo approfondito dell'integrità dei dischi rigidi. Per farlo, fai clic sul pulsante Start e digita le lettere CMD. Verrà visualizzato il Prompt dei comandi. Fai clic con il pulsante destro del mouse su di esso e scegli Esegui come amministratore.

Amministratore: Prompt dei comandi

Verrà visualizzata una riga di comando nera. Digita chkdsk /f /r /b e premi Invio. Conferma di voler eseguire una scansione del disco al riavvio successivo e quindi riavvia il PC. A seconda della dimensione del disco, la procedura di controllo e riparazione può richiedere più di un'ora, ma al termine avrai corretto eventuali problemi del disco rigido e ripristinato file critici o comunque avrai la certezza che è tutto in ordine.        

5 – Utilizza l'archiviazione cloud se sei a corto di spazio sul disco locale

Se tutti i metodi di pulizia descritti non ti hanno consentito di liberare lo spazio di cui hai bisogno, potresti valutare la possibilità di caricare alcuni dei file più grandi, gli album delle foto o i documenti più voluminosi su un servizio cloud, come OneDrive o Google Drive. Certo l'accesso a questi servizi può risultare più lento rispetto all'accesso in locale, ma è comunque un'ultima risorsa a cui puoi ricorrere se sei a corto di spazio su disco.

Come aggiornare le applicazioni

I nostri studi hanno dimostrato che oltre il 52% delle applicazioni installate sui PC di tutto il mondo non sono aggiornate. Talvolta ciò è dovuto al fatto che gli utenti ignorano la presenza di aggiornamenti, altre volte perché le applicazioni semplicemente non includono un'utilità di aggiornamento che funziona davvero.

Perché mai stiamo parlando di questo aspetto in una guida su come velocizzare il PC? Semplice, perché le applicazioni non aggiornate possono causare problemi di instabilità e di prestazioni.

A questo proposito, non perdere la nostra guida su come aggiornare le applicazioni.

In breve: utilizzare un'utilità di aggiornamento automatico del software oppure passare in rassegna manualmente l'elenco delle applicazioni verificando che siano tutte aggiornate alla versione più recente  aiuta ad aumentare le possibilità che il sistema operativo funzioni correttamente.

Un consiglio per il futuro: tienilo pulito e sarà veloce

Una volta illustrati i passaggi fondamentali per pulire e ottimizzare il PC, ecco un consiglio: cerca di eseguirli regolarmente una volta al mese. Suona come una seccatura, ma con poche buone abitudini dovresti riuscire a ridurre il lavoro di manutenzione da svolgere per assicurare il funzionamento ottimale del PC:

  • Prima di installare qualsiasi software, rifletti attentamente se ti serve davvero o se intendi utilizzarlo regolarmente. Se devi utilizzarlo una sola volta, ricordati di rimuoverlo.
  • Passa in rassegna l'elenco di tutti i programmi installati e decidi se ti servono ancora tutti.
  • Ultimo, ma non meno importante, io creo spesso backup completi del PC dopo avere eseguito un'installazione pulita ed avere configurato il mio PC. In questo modo, se qualcosa dovesse andare storto, potrò sempre ripristinare lo stato precedente. Ti mostrerò come farlo in uno dei prossimi post.

Provare AVG TuneUp gratuitamente

 

AVG TuneUp Provalo GRATIS