Blog AVG Signal Prestazioni Pulizia La frammentazione del disco rappresenta ancora un problema? Ecco tutto quello che devi sapere
Is_Disk_Fragmentation_Still_a_Thing-Hero

Prima di spiegare esattamente che cos'è la frammentazione e come risolverla, dobbiamo verificare se questo è effettivamente il tuo problema. Solo le unità meccaniche tradizionali sono soggette alla frammentazione e al conseguente rallentamento, mentre le SSD più recenti non sono interessate.

Questo articolo contiene:

    Come verifico se la mia è un'unità SSD o HDD?

    Gran parte degli utenti di PC di tutto il mondo si affida ancora ai dischi meccanici. Nonostante l'intento dei produttori di sostituire le vecchie unità HDD con le SSD, circa due terzi dei nuovi PC venduti quest'anno utilizzerà ancora la tecnologia precedente. Quindi, a meno che il tuo computer non sia particolarmente all'avanguardia, è probabile che tu stia utilizzando uno di questi dispositivi meno recenti. Per verificarlo, attiva lo strumento di deframmentazione integrato: apri il menu Start di Windows, digita Defrag e premi INVIO.

    Ottimizza le unità

    Se in Tipo di supporto vedi Unità SSD, questo articolo non ti riguarda.

    Se invece vedi Unità disco rigido è meglio eseguire la deframmentazione.

    Cosa si intende esattamente per frammentazione?

    Procediamo per ordine. Più programmi si installano (e si disinstallano), più aggiornamenti si eseguono, più file si spostano... più caos si crea nel disco rigido. Ad esempio:

    1. Si disinstalla una suite di Office nel computer.

    2. Di conseguenza, si libera spazio sul disco.

    3. A questo punto si installa un'importante suite per l'editing video, che occupa più spazio rispetto alla suite di Office.

    4. Windows tenta di inserire i file nello spazio disponibile. Ma lo spazio non basta. Il software di editing video viene suddiviso in parti.

    5. Il disco rigido richiede più tempo per raccogliere i dati necessari per avviare il programma e utilizzare le funzioni, perché non si trovano tutti in un'unica posizione.

    Si tratta solo di un programma e di un set di azioni. Il sistema operativo e le applicazioni che si utilizzano regolarmente indicano che l'utente e il PC ripetono questa procedura migliaia di volte al giorno. Anche quando navighi sul Web o ricevi messaggi email, il disco rigido diventa sempre più frammentato, a scapito delle prestazioni.

    L'effetto del rallentamento è correlato al numero di file a cui si accede contemporaneamente. Inoltre, il disco rigido è meccanico ed è quindi l'anello più debole della catena. Il processore, la memoria principale e la scheda madre devono attendere la lettura dei dati dal lento disco rigido meccanico.

    È qui che entra in gioco la deframmentazione. Il processo riassembla i frammenti di file sparsi, accelerando così il sistema.

    Utilità di deframmentazione

    Le utilità di deframmentazione esistono da moltissimo tempo. I veterani ricorderanno la versione 1993 di Microsoft Defrag:

    Interfaccia utente per l'ottimizzazione delle unità

    Ai tempi faceva davvero la differenza durante l'avvio di DOS, Windows 3.1 e varie applicazioni. L'immagine sopra mostra i "cluster" di un disco rigido riordinato e riassemblato correttamente. L'utilità di deframmentazione di Windows 10 è più efficiente e deframmenta automaticamente il disco rigido.

    Come scegliere l'utilità di deframmentazione giusta per il disco

    Di fatto si tratta di strumenti piuttosto basilari. Ecco perché agli utenti comuni consiglio di optare per un'utilità di deframmentazione di terze parti.

    Chi ha la suite AVG PC TuneUp può usare "Drive Defrag". A differenza di Windows, garantisce che lo spazio libero sul disco sia disposto in modo attiguo e colloca i file importanti nell'area iniziale del disco rigido, dove le operazioni di lettura/scrittura sono in genere più rapide.

    Gli amministratori possono valutare O&O Defrag 19.5, che offre un'ampia gamma di opzioni, compresa quella per ottimizzare i dischi rigidi dei server e quella ottimizzata per l'utilizzo nelle workstation.

    Esegui o disabilita l'utilità di deframmentazione di Windows

    Anche se utilizzi uno strumento di deframmentazione di terze parti, devi eseguire l'utilità di deframmentazione di Windows almeno una volta. Ecco come:

    1. Fai clic sul pulsante Start e digita defrag. Fai clic sulla voce Utilità di deframmentazione dischi e quindi su Continua.

    2. Per deframmentare il disco: fai clic su pulsante Ottimizza.

    3. Per eseguire uno strumento di terze parti, ripeti il passaggio 1, quindi fai clic su Modifica impostazioni e deseleziona Esegui in base a una pianificazione

    Pianificazione di ottimizzazione

    Successivamente, esegui lo strumento di deframmentazione seguendo le istruzioni del manuale.

    Indipendentemente dal programma che scegli: se usi un'utilità di deframmentazione, i tempi di avvio si ridurranno e i programmi risponderanno molto più rapidamente.

    Proteggi il tuo iPhone dalle minacce con AVG Mobile Security

    Installazione gratuita

    Ottimizza il tuo dispositivo Android con AVG Cleaner

    Installazione gratuita