90745230119
Blog AVG Signal Privacy Consiglio Che cos'è il cyberstalking e come proteggersi dagli stalker online
Signal-How-to-avoid-Cyberstalkers-Hero

Scritto da Carly Burdova
Pubblicato il giorno October 10, 2022

Che cos'è il cyberstalking?

Per cyberstalking si intende il contatto ripetuto e indesiderato o il fatto di subire molestie da parte di qualcuno attraverso comunicazioni elettroniche, come email, social media o sistemi di messaggistica. La natura può variare in base al tipo di molestia, ma se il contatto ripetuto è indesiderato, fastidioso o minaccioso, può essere considerato cyberstalking.

Questo articolo contiene :

    Il cyberstalking è diventato un problema significativo su scala globale. Secondo il Pew Research Center, 41 americani su 100 sono stati molestati da uno stalker online e un numero addirittura superiore (il 66%) ha assistito a molestie online dirette ad altri. Alcuni esempi di molestie sono: calunnie, diffamazioni, minacce, messaggi email hackerati e furti di identità.

    I casi di cyberstalking hanno subito un aumento vertiginoso, in linea con l'incremento di dispositivi tecnologici e piattaforme di social media disponibili che spesso semplifica l'individuazione e l'esposizione dell'identità digitale altrui, tra cui la posizione, gli interessi e le reti personali. La convergenza di cyberstalking e social media ha aggravato ulteriormente il problema, esponendo sempre più giovani agli abusi degli stalker online.

    Come si comportano i cyberstalker

    Gli stalker online contattano ripetutamente o seguono le vittime online. Chi commette stalking in Internet può agire in modo velato, ad esempio commentando pubblicamente le conversazioni sui social media, o tramite comportamenti esplicitamente aggressivi, come l'invio di messaggi minacciosi alla vittima o ai suoi familiari e amici. I cyberstalker possono persino ricorrere al doxxing delle vittime.

    Analogamente a quanto si osserva nello stalking fisico, la maggior parte delle vittime di cyberstalking è di sesso femminile. Negli Stati Uniti "una donna su 12 e un uomo su 45 sono stati vittime di stalking online almeno una volta nella vita". L'anonimato di Internet e l'accessibilità dei dati personali non hanno fatto altro che alimentare il cyberstalking.

    Una donna su 12 e un uomo su 45 hanno avuto esperienze di stalking.Una donna su 12 (l'8,3%) è stata vittima di stalking almeno una volta nella vita.

    Dal momento che il cyberstalking è anche definito come la raccolta ossessiva di informazioni su un determinato individuo online, catturare un cyberstalker può rivelarsi difficile. Le tracce lasciate dagli stalker sui social media potrebbero rimanere non visibili a lungo. I cyberstalker sanno essere metodici, risoluti e ossessivi.

    Non è neppure detto che chi commette stalking online sia uno sconosciuto. Può trattarsi di ex, partner con cui si intrattiene ancora una relazione o con cui non si è più in buoni rapporti, o anche coniugi che utilizzano tecniche di cyberstalking per poi usufruirne nella vita reale.

    Indicatori di cyberstalking

    Come puoi capire se qualcuno ti perseguita? Esistono situazioni che si prestano particolarmente allo stalking, così come indicatori che aiutano a capire se si è vittima di cyberstalking. Anche se finora non ti sei mai ritrovato in situazioni analoghe, devi comunque fare attenzione alla condivisione eccessiva online. Esporre informazioni personali relative a te, i tuoi figli, i membri della tua famiglia, dove vivi e altro ancora comporta sempre dei rischi.

    Gli stalker in Internet non sono sempre così riservati come potresti pensare. Audaci e ossessionati dalla loro missione, possono lasciarsi tradire da diversi indicatori di cyberstalking.

    Ecco alcuni esempi di potenziali indicatori di cyberstalking:

    • Un ex partner o coniuge che vuole continuamente sapere cosa stai facendo.

    • Qualcuno che si comporta da troll o segue i tuoi account di social media.

    • Qualcuno che spia continuamente i tuoi profili sui social media in più piattaforme.

    • Qualcuno che contatta le persone che conosci per capire se hai ricevuto i messaggi che ha inviato.

    Catfishing

    Alcuni stalker online praticano il catfishing, una forma particolarmente ingannevole e complessa di frode o abuso in cui viene creata una falsa identità online per prendere di mira e perseguitare un utente sul Web.

    Lo scopo del catfishing è persuadere la vittima ad abbassare la guardia rivelando informazioni personali sul proprio conto che altrimenti non rivelerebbe allo stalker. Nonostante la natura apparentemente innocua delle informazioni, lo stalker ha in realtà intenzioni sinistre, come estorcere denaro, imbarazzare o umiliare.

    Ecco cosa puoi fare per riconoscere il catfishing e proteggerti da uno stalker online:

    • Controlla il suo profilo online ed esamina i tipi di foto personali che pubblica. Se le foto sono solo selfie, e non compaiono mai familiari o amici, potrebbe trattarsi di un profilo fraudolento.

    • Fai una ricerca per immagini su Google per confrontare la foto profilo con le altre foto disponibili online. Potresti scoprire che l'immagine del profilo della persona in questione è collegata a più profili online che utilizzano la stessa foto ma con nomi diversi.

    • Chiedi alla persona di effettuare una videochiamata. Se rifiuta adducendo scuse, potrebbe trattarsi di catfishing.

    • Controlla quanti amici ha sui social media. Un basso numero di amici può indicare che il profilo è falso, ma ovviamente può anche non essere così.

    Nonostante il catfishing possa sembrare niente di più che una pratica fastidiosa, è in realtà una forma pericolosa di cyberstalking che può sfociare in sextortion e altre forme di abuso.

    I profili di catfishing di solito usano immagini d'archivio di modelli, hanno pochissimi amici e contengono quantità minime di informazioni personali.Un profilo di catfishing spesso include immagini d'archivio e pochissime informazioni personali.

    Come prevenire il cyberstalking

    La prevenzione del cyberstalking comporta misure proattive mirate a tutelare i dati personali, bloccare Facebook e gli altri account di social media ed evitare la condivisione eccessiva online o con sconosciuti. Ecco come proteggersi al meglio dallo stalking online.

    Igiene digitale

    Per tenere a bada lo stalking online, devi essere consapevole di come appari online e sui social network. Se un'informazione sul tuo conto è nota a Google, potrebbe esserlo anche per un cyberstalker. Una buona igiene digitale implica avere il controllo della propria presenza digitale e intervenire se si pensa di aver subito una violazione.

    Ecco cosa puoi fare per evitare gli stalker online:

    • Cerca il tuo nome su Google per vedere quali informazioni potrebbe scoprire su di te un potenziale cyberstalker (ad esempio nickname, numero di telefono, data di nascita o indirizzo) e capire come Google utilizza i tuoi dati. Se necessario, affrettati a rimuovere le informazioni identificabili che i cyberstalker possono trovare attraverso l'hacking di Google.

    • Esplora i tuoi profili di social media ed elimina le informazioni che non vorresti finiscano nelle mani di uno stalker online. In alcuni casi i cyberstalker sono perfetti sconosciuti, in altri no. In linea generale, non accettare richieste di amicizia da chi non conosci di persona.

    • Richiedi ai broker di dati la rimozione delle tue informazioni dai loro elenchi, per evitare che vengano vendute a terzi che potrebbero usarle in modo improprio. I broker di dati a volte hanno infatti standard etici discutibili e possono vendere i dati al miglior offerente, non solo ad aziende di tutto rispetto.

    • Crea un indirizzo email di facciata da utilizzare quando ti registri su siti Web o reti di social media. L'indirizzo email alternativo ti consentirà di evitare lo spam e di non rivelare il tuo indirizzo email personale se il servizio online non dispone di misure di sicurezza efficaci.

    • Non compilare moduli online superflui e non sentirti obbligato a inserire informazioni personali come l'indirizzo o la data di nascita quando ti registri a un sito o servizio. Fornisci solo le informazioni necessarie e, se serve, ricorri a dati fasulli.

    • Condividi meno informazioni online. Meno informazioni condividi liberamente online, meglio è. Trova il giusto equilibrio per stare alla larga dal cyberstalking pur facendo parte di una comunità online in cui dovrai inevitabilmente condividere idee, opinioni e storie.

    • Usa una foto del profilo che non ti renda identificabile. Evita qualsiasi foto che consenta di risalire al tuo indirizzo, alla tua posizione o ad altre informazioni facilmente identificabili. Puoi mantenere l'anonimato anche mostrando il volto.

    • Intervieni subito in caso di violazione. Se ritieni che il tuo telefono sia stato violato o che un sito Web che utilizzi sia stato compromesso, cancella personalmente tutti gli elementi possibili. Cambia immediatamente le password degli account per contenere la violazione dei dati.

    Ottimizza le impostazioni relative alla privacy

    Per migliorare la tua sicurezza informatica, ottimizza le impostazioni relative alla privacy dei tuoi dispositivi (telefono, computer, tablet), degli account utente (social media, sicurezza email) e degli strumenti che utilizzi per accedere a Internet (Wi-Fi, VPN).

    • Mantieni privati i tuoi profili di social media e rendi i tuoi post visibili solo agli amici per evitare lo stalking sui social media.

    • Utilizza app di messaggistica elettronica sicure in grado di criptare i dati. Le app di messaggistica più sicure faranno in modo che le tue comunicazioni non vengano intercettate da stalker online, ISP o enti governativi.

    • Non utilizzare il Wi-Fi pubblico senza una VPN. I motivi per utilizzare una VPN sono parecchi, tra cui la capacità di nascondere l'indirizzo IP e di criptare i dati.

    • Controlla la presenza di spyware nei tuoi dispositivi per assicurarti che i tuoi account e le tue informazioni non siano compromessi. Lo spyware è un tipo di malware subdolo che può passare a lungo inosservato.

    • Non aprire allegati provenienti da indirizzi email che non conosci. Attraverso gli allegati infetti i virus informatici vengono diffusi con facilità. Apri esclusivamente gli allegati provenienti da indirizzi email attendibili.

    • Crea password complesse e univoche per tutti i tuoi account e utilizza uno dei migliori strumenti di gestione delle password per memorizzarle.

    • Disabilita la geolocalizzazione o il GPS nel telefono per interrompere il tracciamento online basato sulla posizione.

    • Maschera l'indirizzo email e il numero di telefono e non divulgare quelli effettivi.

    • Non fornire dati sensibili per telefono o online. Se ti vengono richieste telefonicamente informazioni personali, chiedi di richiamare e verifica prima l'identità del chiamante utilizzando il numero principale dell'azienda o dell'organizzazione.

    • Installa software antivirus come AVG AntiVirus Free. Un'ottima igiene digitale non è sufficiente per proteggerti da tutte le minacce online attualmente in circolazione. Il software antivirus aggiunge un ulteriore livello di protezione.

    Aggiorna il software

    Se il tuo software è obsoleto, corri il rischio che un hacker possa sfruttare una vulnerabilità senza patch. Le aziende e i creatori di app rilasciano regolarmente aggiornamenti per correggere le falle nelle sicurezza e aggiungere nuove funzionalità. Se noti che il tuo iPhone o il tuo dispositivo Android non riceve aggiornamenti, vai alle impostazioni del telefono e controlla se sono disponibili aggiornamenti.

    Dopo aver aggiornato il software, valuta se il tuo smartphone tiene traccia delle tue attività. Smartphone e altri dispositivi elettronici tracciano la tua posizione e memorizzano dati sensibili. Il tracciamento ha spesso finalità benevole o serve a garantire un migliore funzionamento delle app in base alle tue esigenze. A volte, però, può essere finalizzato a sorvegliarti.

    L'utilizzo del miglior software antivirus e l'installazione di un'app anti-tracciamento possono aiutarti a mantenere i dati al sicuro e a ridurre il rischio di esposizione ai cyberstalker.

    Come affrontare gli stalker online

    È più facile prevenire il cyberstalking piuttosto che affrontarne le conseguenze. È opportuno sapere cosa fare in caso di stalking online prima che questa eventualità si verifichi. A tale scopo puoi assumere un atteggiamento proattivo contro i cyberstalker.

    Interrompi le comunicazioni

    Di' alla persona in questione di smettere di contattarti. Se si rifiuta, bloccala sui social media e contatta il relativo provider di servizi Internet.

    Lo stalking sui social media è ormai fin troppo comune, quindi Facebook, Instagram, Twitter e quasi tutte le altre piattaforme di social media prevedono un sistema di supporto per bloccare le molestie elettroniche. Se le molestie avvengono via email, imposta un filtro per inviare questi messaggi direttamente a una cartella spam.

    Blocca le comunicazioni indesiderate tramite i social media prima che si trasformino in cyberstalking.Blocca i messaggi indesiderati online.

    Controlla il tuo livello di sicurezza

    Non puoi mai sapere quali sono le vere intenzioni di un cyberstalker o fino a che punto si spingerà per perseguitarti. Esegui un controllo di sicurezza generale dei tuoi dispositivi e account online per fermare il cyberstalking. Utilizza uno strumento anti-spyware per assicurarti che nel tuo telefono non siano presenti app losche e crea password complesse per i tuoi account online. Se un cyberstalker inocula spyware nel tuo iPhone o nel tuo dispositivo Android, rimuovilo immediatamente.

    Conserva le prove

    Se pensi di essere vittima di stalking online, conserva le prove per sporgere denuncia alla polizia. Anche se il tuo cyberstalker sembra sparito, devi documentare l'abuso. Acquisisci schermate dei messaggi che ti ha inviato, in cui compaiano anche data e ora, e salva tutto nel caso in cui tu abbia bisogno di accedervi in un secondo momento. Se intendi sporgere una denuncia per stalking online, è meglio avere prove a sostegno dell'accusa.

    Il cyberstalking può portare a situazioni ancora più scomode e pericolose, come la sextortion.Acquisisci schermate dei messaggi degli stalker in modo da avere le prove necessarie in caso di denuncia.

    Usa falsi profili per deviare

    Se qualcuno ti sta perseguitando, puoi provare a fuorviare il malintenzionato aumentando la quantità di informazioni fasulle su di te. Configura un account di facciata sul canale che lo stalker sa che usi abitualmente e crea un profilo anonimo e verosimile per aiutarti a proteggere il tuo vero account.

    Denuncia il caso di cyberstalking alla polizia

    Molti dipartimenti di polizia hanno una squadra dedicata e sanno esattamente come denunciare i casi di cyberstalking. Anche se non hai prove sufficienti per parlare di stalking e persecuzione, la denuncia verrà comunque registrata e la polizia potrà aiutarti ad affrontare attacchi futuri.

    Leggi sul cyberstalking

    Il cyberstalking è illegale e considerato una forma legittima di abuso. Cercare una persona su Google vuol dire commettere stalking? No. Ma se la ricerca diventa ripetitiva e ossessiva, può rapidamente degenerare e diventare illegale.

    Se pensi di essere vittima di stalking online, valuta se sporgere denuncia alle forze dell'ordine locali. Gli esempi di cyberstalking di riferimento sono numerosissimi, come il caso dei dirigenti eBay accusati di molestie online o di un uomo della California dichiarato colpevole di sextortion.

    Diverse leggi negli Stati Uniti e nel Regno Unito sono dedicate ai cyberstalker. Mentre le leggi sul cyberstalking negli Stati Uniti variano da stato a stato, lo stalking e le molestie sono considerati reati penali in tutti i 50 stati.

    La California ha creato la prima legge statale sul cyberstalking nel lontano 1999 e altri stati hanno seguito l'esempio, come l'Illinois. Eppure non esiste ancora una legislazione federale sullo stalking per via elettronica: la maggior parte della legislazione esiste solo a livello statale.

    Il cyberstalking rimane inoltre soggetto alle disposizioni generali sulle molestie, come il Violence Against Women Act del 1994 negli Stati Uniti e il Protection from Harassment Act del 1997 nel Regno Unito.

    Risorse per difendersi dal cyberstalking

    Sono disponibili diverse agenzie, ONG e risorse gratuite per aiutarti a denunciare il cyberstalking. Se da un lato è assolutamente necessario ricorrere a vie legali per catturare un cyberstalker, dall'altro è fondamentale agire preventivamente per evitare gli abusi online. Ecco alcune risorse informative utili sulla prevenzione del cyberstalking:

    • Working to Halt Online Abuse (WHOA): informazioni con finalità educative rivolte al pubblico in generale e alle forze dell'ordine e con l'obiettivo di rendere più consapevoli le vittime.

    • WomensLaw: informazioni legali espresse con un linguaggio semplice per tutte le vittime di abusi, indipendentemente dal sesso.

    • VictimConnect: una linea telefonica anonima per educare sui diritti della vittima e su come affrontare gli abusi.

    • The Stalking Prevention, Awareness and Resource Center: una fonte di consigli pratici per affrontare gli abusi, con risorse di formazione per il pubblico e le forze dell'ordine.

    • Tech Safety: una risorsa che indaga i rapporti fra tecnologia e violenza intima del partner.

    Proteggi la tua privacy online con AVG Secure Browser

    Mantenere l'anonimato online è un passo importante verso la prevenzione del cyberstalking. AVG Secure Browser include funzionalità anti-tracciamento integrate, come la tecnologia anti-fingerprinting e il criptaggio HTTPS forzato, che consentono di navigare liberamente in Internet senza rivelare la propria identità personale. Installa il nostro browser sicuro gratuito oggi stesso.

    Scegli la privacy online totale di AVG Secure Browser

    Installazione gratuita

    Scegli la privacy online totale di AVG Secure Browser

    Installazione gratuita
    Consiglio
    Privacy
    Carly Burdova
    10-10-2022