Blog AVG Signal Privacy Indirizzo IP Qual è la differenza tra IPv4 e IPv6?
IPv4-vs-IPv6--Hero

Che cos'è IPv4?

Il protocollo IPv4 (Internet Protocol versione 4) è il formato di indirizzi standard che consente a tutti i computer su Internet di comunicare tra loro. Un indirizzo IPv4 è scritto come una stringa di cifre a 32 bit ed è composto da quattro numeri, ognuno compreso tra 0 e 255, separati da punti.

Questo articolo contiene:

    Con molta probabilità sai già che cos'è un indirizzo IP ed è possibile che tu abbia già visto il tuo, che avrà un aspetto simile a questo: 168.213.226.204. IPv4 fornisce oltre 4 miliardi di indirizzi diversi e per decenni ha svolto egregiamente il suo lavoro.

    Caratteristiche principali di IPv4

    Introdotto nel 1978, IPv4 ha standardizzato il modo in cui i computer su Internet comunicano tra loro. È un protocollo senza connessione, il che significa che i dati possono essere inviati senza richiedere alle parti di stabilire una connessione diretta e ha bisogno solo di quantità minime di memoria.

    IPv4 mette a disposizione oltre 4 miliardi di indirizzi univoci, che all'epoca della sua introduzione sembravano più che sufficienti, ma oggi, dopo 40 anni, la situazione è molto cambiata. Ora che un numero sempre maggiore di dispositivi rimane connesso online, il protocollo IPv4 si sta avvicinando al suo limite.

    Abbiamo bisogno di un nuovo standard. Per fortuna, c'è già un candidato adatto, attualmente utilizzato da milioni di computer. Il suo nome è IPv6.

    Che cos'è IPv6?

    IPv6 (Internet Protocol versione 6) è uno standard aggiornato per l'identificazione dei computer su Internet. Come IPv4, assegna a ogni dispositivo un identificatore univoco, che tuttavia è stato regolato per adattarsi al numero crescente di computer attualmente connessi a Internet.

    Grazie a IPv6, il numero di indirizzi IP possibili passa dai 4 miliardi di IPv4 a 340 trilioni di trilioni di trilioni. IPv6 è scritto come una stringa di cifre esadecimale a 128 bit e un tipico indirizzo IPv6 si presenta così:

    2001:0ab8:85a2:0000:0000:8a3e:0370:7334

    IPv6 è stato ottimizzato per rimanere sempre al passo con la rete Internet modernizzata di oggi. Questo vuol dire essersi liberati di alcuni componenti del sistema IPv4 ormai superflui, che analizzeremo più avanti.

    Caratteristiche principali di IPv6

    IPv6 semplifica i trasferimenti dei dati rendendo di nuovo direttamente accessibili tra loro due indirizzi. IPv4 ha dovuto introdurre ulteriori passaggi per compensare la mancanza relativa di indirizzi univoci.

    Non sarà più necessario controllare ogni pacchetto di dati ricevuto per assicurarsi che sia identico a quello inviato, ad esempio, come occorre fare invece con un protocollo senza connessione. IPv4 utilizza un processo chiamato checksum per verificare l'integrità dei dati inviati. Spesso il checksum viene eseguito più volte, poiché un router indirizza il traffico a più computer su un unico indirizzo. Quando ogni dispositivo può avere il proprio indirizzo permanente, diventerà molto più semplice configurarlo.

    Per comprendere come funziona il protocollo IPv6, puoi pensare alla differenza esistente tra una lettera che viene spedita al tuo vecchio indirizzo e poi inoltrata a te e una lettera inviata direttamente a casa tua.

    IPv6 è stato creato per far sì che i dati si muovano in maniera più efficace. Il supporto per il servizio QoS (Quality of Service) implica un'allocazione più efficiente delle risorse. Quando la velocità della connessione Internet è ridotta o limitata, QoS dà la priorità ai bit di dati che devono essere trasmessi per primi. Il punto non è semplicemente chiedersi "perché dovrei usare IPv6?", è comprendere gli innumerevoli vantaggi che tutti noi potremmo trarne.

    Qual è la differenza tra gli indirizzi IPv4 e IPv6?

    La differenza tra questi due formati di indirizzi sta nel fatto che gli indirizzi IPv6 sono più lunghi e formattati in modo diverso, quindi esistono più configurazioni di indirizzi IPv6 univoci possibili. IPv4 è un sistema a 32 bit che utilizza una stringa di numeri separati da punti, mentre IPv6 è un sistema a 128 bit che usa sequenze alfanumeriche separate da due punti.

    Diamo uno sguardo più da vicino alle differenze tra IPv4 e IPv6:

    Differenze tra IPv4 e IPv6

    Quindi, IPv6 è meglio di IPv4? In senso pratico, sicuramente. Comunicare su Internet è molto più efficiente quando ogni dispositivo ha il proprio indirizzo univoco e questo è possibile solo con IPv6.

    icon_02Velocità: IPv4 e IPv6 a confronto

    Se da un lato l'intestazione più grande del protocollo IPv6 significa che ogni trasferimento è accompagnato da più dati, dall'altro la struttura semplificata consente effettivamente un invio più rapido. Con IPv4, la maggior parte dei dati ricevuti passa attraverso un indirizzo IP condiviso da molti altri prima di essere inoltrata a destinazione. La comunicazione con IPv6 richiede meno tempo, perché un dispositivo invia i dati direttamente a un altro.

    Le connessioni dirette assicurano che tutti i messaggi vengano ricevuti intatti. Non dimenticare che IPv4 verifica la presenza di errori in più punti durante la comunicazione, prolungando il tempo di trasferimento. Al contrario, IPv6 controlla l'accuratezza della trasmissione dei dati a livello TCP. Nella maggior parte dei casi, potrai notare un aumento della velocità della connessione Internet con IPv6.

    icon_01Sicurezza: IPv4 e IPv6 a confronto

    Il fatto che il tuo sia solo uno dei 340 trilioni di trilioni di trilioni di indirizzi IP non sarà sufficiente a nascondere il tuo indirizzo IP. Gli hacker sono come segugi perfettamente addestrati a prevedere il comportamento umano. I modelli nell'organizzazione dei dati saranno altrettanto rilevabili con gli indirizzi IPv6.

    Nessuno è automaticamente più al sicuro solo perché usa un indirizzo IPv6: anzi, nel breve termine potrebbe essere molto meno protetto. IPv6 è relativamente nuovo e sconosciuto, così come il processo per la sua configurazione. Se da una parte quasi tutti stanno cercando di capire come funziona, dall'altra hacker e criminali informatici possono sfruttare le vulnerabilità esistenti a livello di protocollo di rete. 

    Anche con IPv6, sarà importante rafforzare come sempre la sicurezza del tuo computer, perché gli hacker non hanno mai smesso di cercare nuovi modi per sottrarre dati o mettere in atto una truffa. Con AVG Secure VPN, puoi essere certo di proteggere il tuo indirizzo IP e le tue attività su Internet da chiunque cerchi di scoprire chi sei o cosa stai facendo.

    Come è possibile verificare il tipo di indirizzo IP in uso?

    Ci sono molti modi per scoprire il tuo indirizzo IP, tra cui cercare semplicemente su Google "qual è il mio IP?" Un gioco da ragazzi! Puoi scoprire facilmente il tuo indirizzo IP anche da Windows, macOS o Linux.

    Già che ci sei, prova anche a capire se il tuo indirizzo IP è pubblico o privato e statico o dinamico. Questi dettagli sono rilevanti in determinate situazioni e può essere utile avere qualche informazione in più.

    Perché è stato creato IPv6?

    IPv6 è nato perché Internet sta esaurendo gli indirizzi IPv4. Il protocollo IPv4 mette a disposizione poco più di 4 miliardi di indirizzi univoci. Ma, dati di ottobre 2020, le persone che hanno accesso a Internet sono 4,66 miliardi, molte con più di un dispositivo personale. Di conseguenza, Internet si trova a doversi adattare a un numero crescente di IP.

    Già nel corso degli anni Novanta, l'Internet Engineering Task Force (IETF) sapeva che a un certo punto con il protocollo IPv4 gli indirizzi possibili sarebbero finiti e che il numero di dispositivi connessi a Internet presto o tardi avrebbe esaurito quelli disponibili. Così l'IETF ha iniziato a pensare a un nuovo sistema a 128 bit, per assicurare un numero sufficiente di indirizzi per l'immediato futuro

    A questo proposito, "32 bit" si riferisce a un metodo per scrivere un mucchio di numeri e ha un numero definito di possibilità, i quattro numeri tra 0 e 255 di cui abbiamo parlato prima. Un sistema a 128 bit ha più bit, quindi può fornire una serie di numeri più estesa. 

    Nel 2012 migliaia di provider di servizi Internet (ISP) hanno acconsentito a fare del protocollo IPv6 il nuovo standard e il processo di transizione è ancora in corso oggi. E non è stato affatto troppo presto, dal momento che le nostre possibilità di utilizzo di IPv4 stanno per giungere al limite.

    Abbiamo esaurito gli indirizzi IPv4?

    In pratica non ancora, ma tecnicamente sì. Non ci sono più nuovi indirizzi IPv4 e riusciamo a continuare a utilizzare quelli vecchi solo grazie a qualche brillante espediente temporaneo.

    Probabilmente il tuo ISP utilizza NAT (Network Address Translation), che ti assegna a un indirizzo IP condiviso e fornisce al tuo dispositivo un indirizzo IP interno che rientra in quel gruppo. Per via della carenza di indirizzi IPv4, è stato creato un ulteriore sistema per mantenere in vita Internet, con tanto di meccanismi di correzione degli errori.

    Non sono rimasti nuovi indirizzi IPv4.Gli indirizzi IP in questa immagine sono usati solo a scopo esplicativo. Come "indirizzi broadcast", non possono essere assegnati a un singolo computer.

    Il passaggio al protocollo IPv6 semplificherà l'intero processo. Il tuo indirizzo IP sarà il tuo indirizzo IP, nient'altro da aggiungere. Se hai mai avuto a che fare con il port forwarding, è stato perché il tuo computer era isolato da Internet da NAT. I dati dovevano essere "inoltrati" al tuo computer specifico, perché il tuo era uno dei tanti dispositivi che facevano capo allo stesso indirizzo IP. Con IPv6, non serviranno più passaggi intermedi per effettuare una connessione.

    Il numero di possibili indirizzi IPv4 rispetto a IPv6 significa che comunicare online sarà molto più semplice con il nuovo standard. Poiché il numero di dispositivi online continua ad aumentare, siamo prossimi a esaurire anche la nostra capacità per NAT.

    Perché non siamo passati completamente a IPv6?

    L'adozione del protocollo IPv6 comporta un'interruzione dell'attività di business. Gli ISP e le aziende devono mantenere un certo livello di produttività e gli utenti non gradiscono interruzioni del servizio Internet. Finché la transizione sarà solo una questione di lungimiranza, ma non verrà considerata strettamente necessaria, la strada sarà sempre in salita. 

    Se sarai tra i primi a passare al nuovo standard, per chiunque altro sarà più difficile connettersi con te e le spese di implementazione del nuovo hardware potrebbero essere difficili da giustificare mentre le attività di tutti gli altri proseguono alla vecchia maniera. 

    Inoltre, dal momento che IPv4 non è compatibile con IPv6, si è creato un meccanismo basato su IPv6 per consentire la comunicazione tra i due standard. Alla fine, tuttavia, il passaggio da IPv4 a IPv6 sarà permanente.

    È possibile disattivare IPv6?

    Puoi disabilitare IPv6 su sistemi Windows, macOS e Linux, ma alcuni componenti smetteranno di funzionare. Quanti più utenti effettueranno la transizione, tanto più il tuo computer avrà bisogno di un indirizzo IPv6. 

    Alcune persone disabilitano IPv6 per motivi di sicurezza. Per quanto IPv6 non sia intrinsecamente meno sicuro di IPv4, sono emerse alcune complicazioni in termini di sicurezza che continueranno a presentarsi durante la transizione.

    Il protocollo IPv4 potrebbe essere più sicuro finché la transizione non sarà pressoché completata, ma potrebbe anche introdurre una certa instabilità. Il computer potrebbe bloccarsi a causa dell'incompatibilità dei driver e spesso è meglio attenersi semplicemente alla configurazione del produttore. La disattivazione di IPv6 potrebbe rivelarsi più problematica che utile, quindi usa sempre il miglior software di protezione antivirus che puoi trovare e assicurati che il software sia sempre aggiornato.

    Mantieni l'anonimato con IPv4 o IPv6

    Non importa se stai usando IPv4 o IPv6, una VPN (o rete privata virtuale) ti garantirà privacy e sicurezza. AVG Secure VPN è pensato espressamente per nascondere il tuo indirizzo IP e proteggere l'anonimato online. 

    AVG Secure VPN non si limita a criptare i tuoi dati personali, ma consente anche di nasconderti dietro un nuovo indirizzo IP. Siti Web, inserzionisti, hacker ed enti governativi non saranno in grado di dire chi sei o cosa stai facendo online, il che renderà estremamente difficile tracciare le tue attività. Prova subito AVG Secure VPN.

    Cripta la connessione e accedi anche ai contenuti soggetti a restrizioni con AVG Secure VPN

    Prova gratuita

    Cripta la connessione e accedi anche ai contenuti soggetti a restrizioni con AVG Secure VPN

    Prova gratuita