Blog AVG Signal Privacy Social media La tua condivisione online è eccessiva?
Are_You_an_Online_Oversharer-Hero

Le risposte alle tue domande di sicurezza sono facilmente indovinabili?

Di questi tempi le domande di sicurezza possono essere piuttosto generiche. Qual è stata la tua prima scuola, il nome del tuo primo animale domestico, il tuo insegnante preferito e così via. Di solito vengono utilizzate quando dimentichi il nome utente o la password e vuoi ripristinare l'accesso a un account online. Queste domande sono senz'altro utili se la tua memoria è un colabrodo (cosa piuttosto comune), ma rappresentano anche un ottimo strumento per gli hacker. I criminali informatici diventano sempre più intelligenti. Prendono il tempo necessario per studiare opportunità e vulnerabilità delle prede online, soprattutto quando la posta in gioco che si prospetta a livello economico è molto alta.

Questo articolo contiene:

    Ovviamente questo non vuol dire che tu gridi ai quattro venti le risposte alle tue domande di sicurezza (se invece lo fai, smetti immediatamente), ma esistono svariati modi in cui gli hacker possono indovinarle. Supponiamo che le tue domande di sicurezza per Paypal siano quelle elencate sopra. Animale preferito, prima scuola, insegnante del cuore. Ora pensa a quello che condividi sui tuoi social media.

    1. Una foto #throwback su Instagram per ricordare la prima notte a casa del tuo cane Steve? Ma quanto è carino, con quelle zampette e quel musetto! Svelato il nome del tuo animale preferito.

    2. Ritrovo fra compagni di scuola con elenco dei partecipanti pubblico su Facebook? Hai confermato la tua partecipazione? Svelato il nome della tua prima scuola.

    3. Il tuo profilo Facebook non ha grandi restrizioni di sicurezza? Basta una rapida ricerca nell'elenco pubblico dei tuoi amici, individuare gli insegnanti, filtrare i profili e il gioco è fatto.

    4. Ecco, abbiamo tutte le risposte alle tue domande di sicurezza. Siamo pronti a prosciugare il conto bancario che hai associato a Paypal. Grazie del regalo.

    Può sembrare un'esagerazione, ma è proprio così che avvengono le frodi di identità. Se vuoi una versione ancora più drammatica, guarda questo estratto del film "Now You See Me - I maghi del crimine".

    E quei simpatici quiz?

    Scoprire qual è il tuo cibo da asporto preferito, l'orientamento professionale più adatto a te o semplicemente commentare un bel post della community con le foto dei tuoi amati gatti può sembrare innocuo, e non è detto che non lo sia. Ma quando pubblichi online informazioni sul tuo conto devi pensare bene a cosa stai condividendo effettivamente. I tuoi dati personali valgono più di quanto tu possa immaginare per gli hacker. Quindi, quando rispondi a un simpatico quiz in cui ti viene chiesto quale cibo preferisci e in che città vivi, chiediti seriamente se vale la pena di fornire informazioni tanto personali. Se finiscono nelle mani sbagliate, questi dati possono essere utilizzati proprio come abbiamo spiegato prima.

    Perché la condivisione della posizione è rischiosa

    Condividere e parlare della tua posizione online è una delle cose più semplici da fare. Registrarti in quel bar chic, aggiornare lo stato con il film che stai guardando o immortalarti mentre dal tuo posto lato finestrino parti per un viaggio: pubblicare post su queste normalissime azioni può davvero mettere a rischio la tua sicurezza. Questi comportamenti fanno sì che chiunque possa commentare e condividere il tuo entusiasmo, ma permettono anche a tante altre persone di sapere che non sei in casa.

    È davvero un gioco da ragazzi. Ad esempio, ti lamenti del treno in ritardo? In questo modo un ladro può capire da che stazione parti ogni giorno, dove abiti e a che ora la casa rimane disabitata. Ti sembra assurdo? Purtroppo non lo è.

    Cosa puoi fare?

    La prima cosa che puoi fare ènon condividere più informazioni su di te online. Ricordati di riflettere bene prima di pubblicare qualcosa. Condividere la posizione è davvero necessario? Pensa a chi può vedere l'informazione e se sono coinvolti dati personali. È meglio proteggere le informazioni personali sui social media.

    6 suggerimenti pratici per frenare la condivisione eccessiva:

    1. Controlla regolarmente le impostazioni sulla privacy di Facebook per verificare che i tuoi contenuti siano visibili solo agli amici.

    2. Non condividere apertamente niente che possa consentire di localizzarti, come la città di origine, la data di nascita o il numero di cellulare.

    3. Sii selettivo nelle amicizie. Non accettare richieste da chiunque. Anche se pensi di conoscere la persona, è sempre meglio controllare.

    4. Sei emozionato per l'avvicinarsi delle vacanze? Ottimo. Dillo ai tuoi amici di persona, non scriverlo online.

    5. Evita di pubblicare indizi sulla tua routine. Ogni lunedì sera frequenti lo stesso corso in palestra con il tuo partner? Buon per te. Ma non scriverlo online.

    6. La posizione, la posizione, la posizione. Disattivala. Sempre!

    Questi passaggi elementari possono davvero orientarti nella giusta direzione quando si tratta di condivisione online.

    Non finisce qui. Anche se prendi le dovute precauzioni online, non è impossibile che le tue risposte di sicurezza vengano indovinate utilizzando le tue informazioni di base. È così che funziona il mondo al giorno d'oggi.

    Come proteggere le tue domande di sicurezza

    • Usa risposte false. L'importante è che tu non le dimentichi. Le risposte non devono necessariamente corrispondere al vero.

    • Scrivi le risposte in modo alternativo. Anziché "Denaro", puoi ad esempio optare per "D3nar0" o "Denarö".

    • Usa uno strumento per la gestione delle password, così avrai password diverse e casuali per ogni account e potrai salvare le risposte di sicurezza in un'unica posizione.

    Ecco la tua guida rapida per evitare di condividere eccessivamente online. Se ti è capitato di farlo, forse questo articolo ti darà le indicazioni giuste. Se non ti è capitato, meglio per te! Buona navigazione.

    Connettiti in modo privato dal tuo iPhone con AVG Secure VPN

    Prova gratuita

    Connettiti in modo privato dal tuo dispositivo Android con AVG Secure VPN

    Prova gratuita