Sia per una grande azienda che per un utente privato, tenere accesi i PC per nove ore al giorno (o 24 ore su 24) può comportare un notevole consumo di energia e costi elevati. Anche se alcuni laptop e PC desktop hanno fatto grandi progressi in termini di risparmio di energia, i consumi possono ancora essere notevoli.

Questo ci ha fatto venire un'idea. Noi di AVG siamo fieri di TuneUp e della possibilità che offre di prolungare la durata della batteria disattivando i componenti che la consumano eccessivamente e ottimizzando la gestione energetica di Windows. E se utilizzassimo la modalità Risparmio anche nei PC desktop tradizionali? Quali sarebbero gli effetti sulle bollette dell'energia elettrica?

Abbiamo testato per la prima volta i consumi energetici nel 2015 con la nostra ultima release. Lo strumento di test professionale di AVG, PC Mark 8, ha eseguito una serie di test che esaurivano completamente la batteria attraverso attività quali utilizzo di video chat, esplorazione del Web, scrittura, editing di foto e casual gaming. I risultati sui laptop sono stati notevoli:

Gli integratori alimentari per il tuo PC funzionano davvero

Come funziona la modalità Risparmio?

Né i PC né i laptop sono davvero configurati per l'efficienza energetica. Anche quando attivi tutte le opzioni di risparmio energetico, l'hardware consuma più energia del dovuto. È qui che entra in gioco la modalità Risparmio di TuneUp, riducendo i consumi energetici del processore e del dispositivo e disattivando tutti i processi in background che consumano inutilmente la batteria.

La domanda è: quali sono gli effetti sul consumo energetico medio complessivo in un desktop tradizionale?

Test del consumo energetico

Per calcolare i costi energetici annuali di un PC, in primo luogo serve il numero di kilowattora all'anno per un determinato PC. Se un PC rimane acceso 24 ore al giorno, il totale è di 8.760 ore all'anno. Per ottenere i kilowattora, si usa la seguente formula.

X watt * (8.760 ore all'anno) / 1000 = Y (kilowattora)
X rappresenta il consumo medio di watt del PC; Y è il risultato in kilowattora.

Successivamente, serve il prezzo di un kilowattora nel luogo in cui viene utilizzato il PC. Secondo l'US Bureau of Labor Statistics, negli Stati Uniti ammonta in media a circa 0,14 dollari. Per ottenere il costo totale, basta moltiplicare:

Y kilowattora * 0,1428 = Z (costo annuale in dollari)

Per avere un'idea concreta del risparmio energetico che è possibile ottenere utilizzando la modalità Risparmio di AVG PC TuneUp, abbiamo messo alla prova due PC desktop: un PC aziendale leggermente più vecchio e un computer da gioco più recente.

Riduzione dei consumi

Il consumo energetico sul vecchio PC aziendale Medion è sceso da una media di 144 watt a 114 watt in modalità Risparmio. Utilizzando il calcolo illustrato sopra, il valore è di 1.261,44 kilowattora se il PC rimane acceso 24 ore su 24, per un totale di 176 dollari all'anno. Quando la modalità di risparmio energetico è attivata, il costo scende a 140 dollari. Sul più potente Alienware X51, i costi energetici calano da 185 a 123 dollari all'anno.

Un centesimo qui, un centesimo lì: sommati, fanno una discreta cifra

Non male, se consideriamo che è bastato fare clic su un pulsante.

Se non hai TuneUp, provalo. Non te ne pentirai. 

AVG TuneUp Download GRATUITO